Ask @Post_Scriptum_giochi:

Ho visto gli ultimi annunci sul sito PS, complimenti per il vostro lavoro! Su quanti giochi siete al lavoro al momento? Ci puoi dare qualche indizio?

Beh, ormai abbiamo annunciato quasi tutto. Rimane solo un'altra consulenza "tascabile" che dovremmo annunciare a breve e, forse, una sorpresina per Lucca, ma è ancora presto per avere certezze. Per l'anno prossimo, oltre a Grandi Laghi di Placentia Games, che abbiamo già mostrato a Play, siamo al lavoro su alcuni family games che si contenderanno la palma di successore di Brick Party. E poi, ovviamente, visto che Bigio ha annunciato l'uscita del decimo volume nel 2017, ci aspettiamo che sforni anche la terza espansione per il gioco di carte di Drizzit :)
Oltre a questo ci sono altri due o tre progetti niente male, ma vedremo.
Insomma, ho scritto un sacco di parole per non dirti niente :D

View more

Wow! 50 sono tanti! E li testate sempre assieme ( Post e Scriptum ) oppure avete un gruppo di giocatori che vi aiutano a farlo?

No, in fiera è più frequente che il primo test venga fatto da uno solo dei due e poi se il gioco è valido lo testa anche l'altro.
Poi quando un gioco viene scelto e iniziano i test di sviluppo veri, lavoriamo insieme e spesso sfruttiamo anche altri giocatori.

View more

Ciao! In genere quanti giochi testi in un anno e quanti di questi ti piacciono? Hai un "palato" molto esigente? E in particolare di quali caratteristiche?

Tanti! Direi almeno una cinquantina! Devo per forza avere un palato esigente, visto che dai giochi che scelgo dipende la mia sopravvivenza economica :)
In realtà è molto frequente che veda dei lati buoni in un gioco: è davvero raro che NESSUNA delle idee che contiene sia buona. La maggior parte dei miei responsi, infatti è qualcosa tipo "il gioco al momento non funziona per (elenco di motivi), ma questa idea è buona. Lavora attorno ad essa e lascia perdere (altro elenco di cose da togliere)".
Riguardo alle caratteristiche... Beh, come editore i giochi che mi interessano di più sono quelli per famiglie, ma come giocatore sono onnivoro. Diciamo che, oltre alle tipologie già elencate in altre risposte (astratti, collezionabili, miniature) preferisco NON testare i giochi di combattimento o con alta interazione diretta perché non mi piace giocarli e quindi non mi sento particolarmente competente nel giudicarli :(

View more

Dal tono delle vostre ultime risposte su Ask, volete diventare i Mentana del mondo ludico?

Urca, non mi sembrava di avere avuto un tono diverso dal solito :)
La mia presenza social è sempre stata molto attiva, fin fall'inizio, e ho sempre cercato di essere molto chiaro e diretto perché altrimenti rischierei di scrivere solo cose che non servono o non dicono niente.
Ormai sono più di dieci anni che lo faccio e spero che quello che ho scritto possa essere stato utile a qualcuno :)

View more

Da pochi giorni alcuni ragazzi stanno pubblicizzando un gioco IDENTICO a quello che ormai porto avanti da diversi anni. Cosa mi consigli di fare? 😞

Una cosa che ripeto da anni (fin dai tempi della Guida all'Autoproduzione: http://postscriptum-games.it/files/guida-all-autoproduzione.pdf ) è che i giochi vanno portati in giro e vanno mostrati agli appassionati nelle numerose occasioni che si susseguono durante l'anno (alcune sono anche espressamente dedicate a questo aspetto).
Questo ha due scopi: da un lato, permette di evitare proprio il problema che hai tu, perché tutti saprebbero che sei arrivato prima, mentre dall'altro... Beh, è brutto da dire ma per esperienza ho visto che NON VALE LA PENA lavorare per anni su un gioco prima di farlo vedere in giro, perché senza dei playtester esterni che ne confermino la validità, senza nessun esperto che lo veda, senza critiche fatte da persone competenti, spesso si rischia di partorire un prodotto non all'altezza del mercato. E allora gli anni che ci hai messo... Beh, sono buttati via.
Il consiglio che do da sempre, e che ribadisco, è di mostrarlo alla platea di appassionati appena è sufficientemente giocabile. Può non essere perfettamente bilanciato, ma l'importante è che l'idea del gioco si capisca bene e che nel complesso giri. Francamente, non immagino nulla di più frustrante che lavorare per anni su un gioco e poi vederselo stroncare quando già lo si ritiene perfetto. L'ho visto accadere un sacco di volte e in effetti, quasi sempre, aveva ragione chi lo stroncava.
Prima lo mostri, prima saprai se la tua idea è davvero valida e saprai su cosa lavorare o cosa lasciar perdere.
Abbandonare un gioco perché si capisce che ha dei problemi insormontabili è capitato a TUTTI, ma farlo dopo anni di lavoro è terribile. Purtroppo questo è un errore che fanno tantissimi esordienti e più volte li ho visti reagire alle critiche senza accettarle dicendo che "sono anni che ci lavoro, non può essere così brutto", ma la verità è che il gioco lo era realmente e l'autore non se ne accorgeva perché ormai troppo coinvolto.
Insomma, è un errore da evitare, senza eccezioni: è una pratica che ha solo lati negativi, purtroppo :(

View more

Ciao! Mi chiedevo... ma un gioco può avere due editori? Ho comprato il vostro Fun Farm a mia figlia, ma c'è scritto sia Post Scriptum che Raven e quindi mi è venuta la curiosità! ^^

Sì, certo, non è una cosa così strana che due editori uniscano le forze: anche Sator è una coproduzione con Scribas. Nel caso di Fun Farm, poi, noi siamo gli editori principali, ma ogni edizione è coprodotta con il distributore della nazione in cui esce :)

View more

Un gioco molto bello (ricollegandomi alla domanda precedente) è Inkognito! Lo trovo molto particolare! Lo conosci? Sai se esistono giochi più attuali con dinamiche simili, ne sarei interessata!

Sì, certo. Era uno dei miei giochi preferiti da piccolo e tuttora lo reputo uno dei pochi giochi "da supermercato" davvero validi e all'altezza del mercato dei giochi moderni. Non a caso, è opera di due mostri sacri del game design come Leo Colovini e Alex Randolph.
Se ti piacciono i giochi a ruoli segreti (io li adoro), ce ne sono per tutti i gusti: le varie incarnazioni del gioco dei lupi vero e proprio (Werewolf, Lupus in Tabula, Wherewolf) e le sue varianti più veloci (One Night Ultimate Werewolf, Blood of the Werewolf), oppure The Resistance / Avalon, che ne usano alcuni meccanismi, dando però vita a giochi abbastanza diversi. Ma il gioco che secondo me lo ricalca al meglio è forse il mio preferito, ovvero Battlestar Galactica: anche qui, come in Inkognito, i "cattivi" non si conoscono fra di loro e inoltre le partite durano parecchio (mai giocato per meno di due ore), portando quindi la tensione ad alti livelli. Trovo che sia un'esperienza di gioco molto divertente e appagante!

View more

Potresti consigliare giochi da tavolo e giochi di ruolo di genere mystery fiction?

Beh, visto che la stessa domanda è stata fatta ad Andrea, inizio linkando la sua risposta :)
https://ask.fm/AndreaChiarvesio/answers/135205737881#_=_
Concordo sostanzialmente con quello che scrive lui, sottolineando il mio amore per Sherlock Holmes Consulente Investigativo, Lettere da Whitechapel e Il Sesto Senso. Anch'io non ho veri e propri consigli riguardo ai giochi di ruolo (Richiamo di Chtulhu spesso prevede avventure investigative comunque), però aggiungo il fumetto-gioco di Sherlock Holmes di CED, edito in Italia da Cranio, che è un bel passatempo :)

View more

https://ask.fm/Post_Scriptum_giochi/answers/133943076383 si ricorda che il diritto di autore (che dice no opere derivate se non autorizzate) è SEMPRE valido in Italia a prescindere dai copyrights, quindi anche un prototipo in quanto opera derivata è a rischio, ma ovvio nessuno rompe per un prototipo

Luigi Bigio Cecchi
Confermo. Infatti la cosa corretta da fare è non usare immagini che non abbiano una licenza che lo permette. È vero che molto probabilmente nessuno si lamenterà, ma è importante sapere che se qualcuno se ne lamentasse, avrebbe ragione. Comunque, in rete si trovano migliaia di file utilizzabili: con google immagini si possono filtrare i risultati in base ai diritti. Un prototipo non è un prodotto destinato alla vendita, quindi quelle con licenza non commerciale vanno bene.
Inoltre, ci sono anche alcuni database di immagini già pronte, come:
http://publicdomainreview.org/ oppure http://game-icons.net/, che mi sono fatto passare da uno di quegli autori di cui ho parlato due risposte più in basso ;)

View more

Sono un aspirante autore e ho letto la vostra guida all'auto produzione. Posso usare immagini prese da internet come sfondi x le mie carte a patto che ovviamente io non venda il prodotto e cosi esporlo magari in vari ritrovi o fiere? Posso mostrarlo a livelllo pubblicitario senza aprire partita iva?

Ciao, ogni illustrazione che puoi trovare su internet in teoria dovrebbe avere una licenza di utilizzo ben chiara che spieghi se è possibile riutilizzarla o no. Trovi i dettagli qui:
https://creativecommons.org/
Se non ce l'ha, è buona norma considerarla come All rights reserved e non utilizzarla.
Riguardo al fatto di esporre il prototipo senza venderlo, non mi risulta che ci sia alcun problema e sicuramente non serve la partita iva.

View more

Un buon gioco da comprare per Capodanno?

Beh, dipende molto da quanti siete! Se l'intento è fare festa in tanti, magari coinvolgendo qualche giocatore occasionale, consiglio Time's Up, che è semplicissimo e perfetto per tutti. Altri titoli validi possono essere Rock and Ball o giochi come Lupus in Tabula, Wherewolf, The Resistance o simili, però sono tutti un pochino più "giocati" e gli occasionali potrebbero trovarli un filo ostici (in realtà sono semplicissimi, ma in queste occasioni c'è sempre qualcuno che gioca controvoglia e non li impara, purtroppo).
Se invece volete qualcosa da giocare in 4-6 e che duri tutta la notte... Beh, io amo particolarmente Battlestar Galactica: ci vuole una persona che si prenda la briga di leggersi il regolamento, ma poi non è difficile da spiegare e può coinvolgere anche i giocatori meno assidui :)
Comunque, se siete al massimo in 9, il migliore è Brick Party, ovviamente! :)

View more

A proposito di componentistica e miniature, avete mai pensato di acquistare una stampante 3D per la realizzazione dei prototipi? Volendo potreste usarla anche per realizzare delle special edition dei segnalini dei vari giochi su ordinazione. :D

Gaetano Sasso
No, perché realizzare i prototipi è compito degli autori e realizzare segnalini su richiesta è un altro lavoro :)
Abbiamo già poco tempo per seguire tutto quello che abbiamo in cantiere, non riusciremmo mai ad aggiungere anche una cosa come questa!

View more

http://ask.fm/Post_Scriptum_giochi/answer/132944993311 Ci puoi accennare un caso, magari il migliore?

Gaetano Sasso
Mah, è un po' difficile: lo riconoscerebbe solo il suo autore. Comunque in generale, giochi molto belli e strutturati, ma con componentistica abnorme, o legati a licenze famosissime a livello mondiale, oppure troppo spaccacervelli e di nicchia per essere davvero proponibili a livello commerciale (almeno per noi).
O anche qualche buon gioco astratto, o di ruolo, o di miniature, che sono prodotti di cui, semplicemente, non ci occupiamo :)

View more

Ma un Sator Arepo Tenet Opera Rotas completamente in Latino? Oppure lo stesso gioco con delle varianti relative al mondo di Drizzit? Sarebbero due varianti molto divertenti!

Alessandro Marangoni
Uhm, tutti i testi presenti in Sator sono già in latino... L'unica parte in lingua è il regolamento, ma non credo esista gente che lo vorrebbe in latino :)
Poi, per carità, se qualche folle, per puro sfizio, vuole tradurlo, può farlo :)
Riguardo alla commistione con Drizzit, non la vedo possibile: il fumetto ha un proprio universo narrativo in cui non è mai apparso nulla del genere, quindi sarebbe una forzatura.

View more

Non vi sentite in colpa a tenere Bigio incatenato a fare disegni tutto il giorno quando siete in fiera?

In verità non lo facciamo così spesso, dai! Comunque... No!
Bigio, come noi, ha dedicato molto tempo e molte energie a far sì che la sua passione diventasse un lavoro e questo è un aspetto di tale lavoro. Quindi pensiamo che abbia voluto la bicicletta e debba pedalare ;)
Ma pensiamo anche che gli piaccia farlo :)

View more

Next