@mrbanality98

mr.banality

Ask @mrbanality98

Sort by:

LatestTop

tu ti ricorderai per sempre di me te lo garantisco

Mi sono chiesto come stessi
Fin troppo spesso
Ma è difficile superare certe abitudini
Certi amori, certi insuccessi.
A volte vorrei avere un piccolo pulsante
Poco più in alto del cuore
E con un semplice click
Dimenticare.
Il tuo sorriso, click
Le tue labbra, click
I tuoi occhi, click
Click, click, click.
Liked by: La(sa)gna

Sera? Giorno? Ciao. Ho una domanda per voi. Credete ci possa essere una parte di voi stessi che avete perso nel corso del tempo? Pensate di essere interi? O siete in frantumi? Grazie per le risposte che date. Le leggo tutte.

Melissa28283’s Profile PhotoMorticia
Chiunque abbia speso 21 secondi sul mio profilo conosce già la risposta, per tutti gli altri:
In me coesistono due persone, che per un breve periodo sono state sostituite da una terza ma questa è un'altra storia. Un tempo ero, eravamo, una persona estremamente gentile, buona, altruista, e quella persona è stata delusa, schiacciata, ferita, tutto mentre subiva traumi estremamente profondi. E mentre cadevo, cadevamo a pezzi siamo stati costretti a sorreggere le persone che avevamo accanto. Siamo diventati uomini troppo presto, abbiamo tenuto il peso delle responsabilità che non ci appartenevano, finché non siamo crollati. I pezzi erano davvero tanti, tantissimi, tutti così diversi che sembravano non combaciare per niente, ed ecco che abbiamo tirato su due persone tanto diverse, non sapendo più chi fosse "l'originale", due persone distinte che non si riconoscono, che difficilmente convivono in pace. Entrambi abbiamo la presunzione di crederci due persone complete, soprattutto lui, ma temo che siamo soltanto due frammenti diventati senzienti.

View more

Liked by: Angel➰

Jour. Credete ci siano altre esistenze oltre al nostro pianeta? Siamo soli o in compagnia di creature misteriose e insuperabili per l’essere umano? Grazie per le risposte.

Melissa28283’s Profile PhotoMorticia
Le condizioni per la vita terrestre sono diverse ed estremamente precise. La Terra è alla distanza giusta dal sole, ha un'atmosfera, c'è acqua, la rotazione permette l'alternanza dei giorni. Insomma, sono tante piccole coincidenze tutte insieme, qualcuno direbbe troppe, dando il merito ad un eventuale dio. Il punto è che il nostro è un universo infinito, con miliardi di stelle e pianeti. Con tutte queste possibilità e per la legge dei grandi numeri, non è difficile immaginare che almeno su un solo pianeta si vengano a creare tutte le condizioni per far sì che la vita sbocci. Insomma, siamo qui perché qui potevamo stare.
Ora, tornando alla questione delle probabilità. In una infinità tanto vasta, personalmente, dubito che le condizioni ottimali alla vita siano presenti unicamente sul nostro pianeta, in tutto l'universo. È molto probabile che ci siano milioni di pianeti, lì fuori, che ne abbiamo la possibilità. Questo vuol dire che credo che gli alieni siano in mezzo a noi? No, o meglio, ne dubito fortemente. Guardando l'andamento della vita sulla Terra, è facile pensare che la vita extraterrestre sia formata prevalentemente da piante, batteri e insetti. Pensate a quanti miliardi di esemplari ognuna di queste macrocategorie possiede, e in quante specie si è distinta, quanto sono adattabili e coriacee. Quindi si, credo ci siano altre forme di vita lì fuori, ma che le nostre aspettative siano così alte da poterne addirittura restare delusi.

View more

Related users

Sera, cari. Qual è il vostro pensiero sulla reincarnazione? Vi appoggiate alla credenza oppure vi opponete, affermando di non essere stati piccioni, gladiatori, streghe e sacerdotesse?

Melissa28283’s Profile PhotoMorticia
Non credo nella reincarnazione, no. Però sai quale dubbio mi affligge su questa credenza? E se fosse vera? Cioè, anche ammettendo che il karma esistesse, migliorando o peggiorando la qualità di vita in quella prossima, comunque non potresti saperlo! Ogni tuo ricordo di questa vita e di chissà quante altre svaniranno, sarai un essere totalmente nuovo, che non avrà nulla a che vedere con ciò che sei al momento. Quindi dovrei comportarmi in un certo modo solo perché ad un prossimo me, che non conosco, che non mi conosce, e che non ha nulla in comune con me un po' di fortuna? Ma sti gran cazzi, direi.
Liked by: Morticia

Buonasera alle poche persone che riceveranno la domanda seguente: avete mai pensato di cambiare identità come Mattia Pascal o di fuggire e non tornare mai più? C’è qualcosa che ha ostacolato il vostro desiderio di fuga? Merci pour vos pensées.

Melissa28283’s Profile PhotoMorticia
Mattia decise di morire, per cambiare vita. Io non sarei arrivato a tanto, avrei voluto partire, restando me stesso. Che sembra un po' un ossimero, no? La persona che torna non è mai quella che è partita. Perché non l'ho fatto? Cosa mi ha impedito di fuggire? Le responsabilità, non mie, ma che ho deciso di assumermi. Ho messo il bene delle persone che amavo prima del mio desiderio di partire, di scoprire il mondo e anche me stesso. Mentirei se dicessi che non ci penso a volte, a come sarebbe andata, a come sarei adesso, ma non ho rimpianti, quelli no. Ho dato tutto quel che avevo per le persone che davvero lo meritavano, e mi va benissimo così.

sareste dei bravi genitori?

Non lo so, davvero. Non credo mi verrà mai voglia di scoprirlo, ma non saprei neanche da dove iniziare. Non avendo avuto un padre, non so come si faccia, cosa è giusto punire? Cosa valorizzare? Come si dice no? E soprattutto, come si dice si? Come si fa a decidere quando mollare la presa e lasciare che prendano il volo? Io mi punivo da solo, decidevo da solo, ho iniziato a volare perché altrimenti mi sarei schiantato al suolo. Ho preteso da me stesso standard sempre più alti, sempre più irraggiungibili, sempre più malsani, come riuscirei a non farlo col pargolo? Come farei a non pretendere troppo? Come farei a non restarne ovviamente deluso? Come farei a non mostrarglielo?
Non lo so, davvero.

Ho eliminato ask per sempre, a te non importa nulla lo so, ma un ciao te lo dovevo, mi hai fatta sognare per un periodo ma si sa, i sogni sono destinati ad un risveglio, brusco ma doveroso, la sigaretta è spenta 💔 Ciao

Non mi dovevi nulla, ma ti ringrazio. I sogni non bastano, mai, per quanto alcuni possano essere appassionanti, divertenti, entusiasmanti, se restano sogni, valgono giusto il tempo di una notte e andrebbero dimenticati nel lasso di tempo tra il letto e il primo agognato caffè. La sigaretta che lo segue, dal sapore amaro di mattina, manda in cenere anche gli ultimi sprazzi di una notte caotica, oltre al profumato tabacco.
Spero che il risveglio non sia stato poi tanto brusco, spero che la mattina si riveli luminosa e piena di vere avventure, senza sogni, ma obiettivi. Ciao.

+ 1 💬 message

read all

Liked by: Δlεssια⚘

Abbiamo il controllo sulla tecnologia o è lei ad avere il controllo su di noi?

antonella_caratozzolo’s Profile PhotoAntonella Lucia Caratozzolo
Credo che la domanda sia valida, ma posta nel modo sbagliato. Ti faccio una domanda io per spiegarmi: se qualcuno viene sparato, è colpa della pistola?
La tecnologia non controlla proprio nessuno, un cellulare, un computer, una televisione, sono assolutamente innocui, ma quello che c'è dentro? Puoi spegnerli quando vuoi, anzi, nessuno ti obbliga proprio a comprarli, eppure lo fai, ognuno di noi lo fa. Per tornare alla domanda che ti ho posto prima, le persone hanno sempre un cellulare in mano, è colpa del cellulare?
Liked by: merak Δlεssια⚘

cosa vorresti che ti arrivasse per posta domani?

Un po' di sanità mentale.
"- Buongiorno, corriere"
- Scendo subito".
Ma non è così facile, purtroppo, ho pure controllato su Amazon, ma niente.
Dovrei stare bene e non ci riesco, ho mille motivi, come mai prima d'ora, ho concrete ragioni per sorridere, eppure sento un forte disagio. È colpa mia? Lui in realtà è felice? E la sua felicità mi infastidisce? Sta volta sono io quello tossico? Per l'ennesima volta siamo scesi a compromessi, è vero, e tende moltissimo dalla sua parte, ma fondamentalmente io non avevo proposte migliori, e possiamo brillare qui dove siamo, forse neanche ci interessa, ma se volessimo potremmo. Forse è colpa mia, ho sempre infranto le regole che non credevo giuste, ho sempre lottato contro i più forti per proteggere i più deboli, ho sempre lottato per migliorare quel che avevo attorno e quasi sempre ci sono riuscito, ma questa volta non è possibile. Temo che la mia anima da "artista" debba tacere e appassire. Allora è proprio vero, è colpa mia.

View more

Liked by: Morgana. Xaviere

Dove vorresti vivere?

Giuliag01’s Profile Photo_Giulia_
Ho sognato a lungo di vivere in un grande appartamento a Manhattan, con vista su Time Square e Central Park. Uno di quei sogni che sai da subito di dover lasciar andare, non il primo e sicuramente neanche l'ultimo. Ormai, ho lasciato andare ogni sogno, e devo ammettere che è stato molto doloroso, ma recentemente ho fatto un cambio di carriera, in tutt'altro ambito, ed ho lasciato andare anche le mie competenze, modestamente ero molto bravo nel mio lavoro e nella materia che lo circondava. Ora ho iniziato una nuova sfida e la cosa mi entusiasma, ma non immaginavo sarebbe stato estremamente doloroso mettere da parte tante conoscenze e competenze quando ho preso questa decisione, che sicuramente era e resta quella giusta, ma sono un attimo destabilizzato. Quindi, come mai prima d'ora in vita mia, vorrei vivere dove sono, seguire la strada che ho iniziato, andando avanti ma restando qui.

View more

Il romanticismo si sta estinguendo?

Credo che l'estinzione del romanticismo sia pressoché impossibile.
È possibile, invece, che stia avvenendo una sua mutazione. Le persone non hanno smesso di essere romantiche, vorrebbe dire che abbiano smesso di amare. Invece credo sia possibile che siano cambiati i modi in cui si dimostra l'amore. Cambiano i tempi, gli usi, i costumi, la cultura, inevitabilmente anche i gesti romantici, dai più piccoli ai più grandi, hanno iniziato a cambiare, si apprezzano meno determinate cose e di più altre, ci sta, è addirittura affascinante scoprire come ogni generazione scelga di dimostrare il proprio amore, sempre se si ha il coraggio di guardarle senza quel velo di presunzione.

E se dovessi ricontattare una persona dal tuo passato, chi sarebbe?

Ho iniziato a scrivere nel 2019 ed ho finito nel 2020, poi basta. Un anno intero di banalità, il resto, mediocrità. Mi è sempre piaciuto scrivere, sia chiaro, ma non lo facevo, ci pensavo e basta, senza mettere per iscritto quei pensieri, che poi si perdevano e sparivano nei meandri di una mente caotica. Non li scrivevo perché temevo diventassero reali, temevo di diventarlo io, ma esattamente cinque anni fa ho incontrato una persona, e me ne sono perdutamente innamorato. Era la persona giusta al momento sbagliato, nel posto sbagliato, in un amore sbagliato, in un casino sbagliato, tutto era maledettamente sbagliato. Ma questa è la magia dei vent'anni, uno sconsiderato ottimismo che rende tutto giusto, una lunga strada dritta in salita, per la curva di un sorriso. Non ho dimenticato quell'amore, semplicemente non lo provo più, da anni ormai, com'è giusto che sia. Vedo le ferite che ha lasciato, ma non ricordo il male che facevano quando sanguinavano. Mi ha reso più forte, forse, nessun altro amore, per quanto intenso, mi ha tormentato tanto, e forse è per questo che anche i miei versi sono addirittura peggiorati, manca quel agrodolce universale tormento, provato da tutti, almeno una volta nella vita. Stavo pensando a lei questa sera, con affetto, mi chiedo se stia bene, se stia vivendo l'avventurosa viva che cercava, con quel coraggio che le ho sempre invidiato. E la tua domanda mi è sembrata capitare a fagiolo, temo di non aver risposto però, perdonami. Con una così lunga (noia e inutile premessa) potresti pensare che quindi la risposta sia di si e che la persona in questione sia lei, ma non è così, il passato è passato e così deve restare, per questo non ricontatterei nessuno, altrimenti, l'avrei fatto già.

View more

https://ask.fm/enoisore/answers/175248380517 || Quale canzone/melodia ascolteresti nel caso dovessi proteggerti da un'ombra oscura? 🌚

enoisore’s Profile PhotoAηтєяσѕ
Ci sono migliaia di canzoni che, in differenti periodi e per altrettanti motivi, mi hanno protetto da ombre oscure, le più nere autoprodotte. Sceglierne una sarebbe estremamente difficile e forse poco veritiero, certe cose vivono di istinti, di sincera emotività, e mentre leggevo la tua domanda/risposta ho pensato a "Hedwig's theme" (la colonna sonora di Harry Potter). Negli anni quella saga è stata il mio rifugio, motivo di disperazione e serenità, eccitazione e paura, Hogwarts is my home, e lo sarà per sempre, il luogo in cui cercherò sempre protezione, come potrebbero non essere quelle iconiche note la naturale risposta?

Fumi?

alila_671
Mi piace pensare di poter smettere
Ma di scegliere di non farlo.
Il fatto è che trovo nel fumare
Nei suoi semplici gesti
Una sorta di eleganza
Come se
Si dirigesse, ogni volta
Un'invisibile orchestra.
Ognuno di noi sa bene quanto faccia male
Eppure fumiamo
O forse
Proprio per questo
Per danzare
Come quel flebile fumo
Un passo a due con la morte.
Fumi

Mi manchi

"Hei ciao.
Cazzo, avevo preparato il discorso mentre venivo qui, lo giuro su Dio. Ah già, sono ateo, dimentico anche cose simili quando guardo i tuoi occhi. Sto malissimo, non sento più battermi il cuore nel petto, da quando ho visto il tuo anello, è caduto dritto nello stomaco, mi mancava l'aria e ancora adesso mi sembra di non respirare. Lo so che sei felice, lo vedo che sei felice, sei radiosa, lui... ti dona. Ma avevo bisogno di dirtelo, di vederti un'ultima volta prima che gli giurassi amore eterno, un'ultima volta prima che smettessi per sempre di essere mia. Lo so, non ti lascio parlare, anche se dubito tu abbia niente da dire, ma non c'è bisogno, so che proveresti ad alleggerire il mio fardello con delle gentili e inutili parole di comodo, ma soltanto una tua carezza potrebbe far tornare il mio cuore nel petto, al suo posto, sotto al candido tocco delle tue dita. Ti prego non piangere, questo è l'ennesimo e ultimo atto di egoismo che ho deciso di prendermi, non merito le tue lacrime, come non merito di vederti felice, ma per piacere sorridi, ti prego, ti supplico, mi metto in ginocchio eh, sorridi, perché amo quel sorriso, anche se non mi appartiene, voglio vederlo per un'ultima volta, un'ultima egoistica volta, ti prego, sorridi per me."

View more

Liked by: Morgana. La(sa)gna

Hai avuto una bella infanzia?

Scomodo’s Profile PhotoBlume
Ho avuto un'infanzia molto bella. Peccato, però, sia finita molto presto. Ho avuto la fortuna di incontrare la mia anima gemella appena nato, c'è chi la cerca per tutta la vita e per uno scherzo del destino non la trova mai, invece io ci sono cresciuto insieme, ma il destino sa essere crudele, e mi è stata portata via, quando avevamo solo dieci anni. In quel momento è arrivata la rabbia, all'epoca troppo complessa per essere compresa, troppo grande per essere contenuta, in quel momento è arrivato in bocca il sapore del sangue per le risse, il disprezzo, la tristezza, la solitudine. Ormai, è passato più di un decennio, la rabbia è stata compresa, accettata, in qualche modo contenuta, ma non è mai sparita, temo che non riuscirò mai a perdonare il mondo per essere così com'è, per non essere lei.

View more

Il mondo sa cos’è l’amore?

Era una domenica e dovevo lavorare. Avevo bisogno di vederla, così misi a repentaglio il mio lavoro e quello di altri tre colleghi per raggiungerla, ma non mi interessava, dovevo vederla. Scusa banale mandata in ufficio, e mi feci accompagnare con l'auto aziendale in stazione, dopo due treni arrivai finalmente nella sua città. Ero confuso, agitato, forse anche spaventato, mille idee mi ronzavano in testa, finalmente l'avrei vista per la prima volta, ogni passo che mi portava verso il bar in cui lavorava diventava più inquietante e allo stesso tempo più rapido, quasi mi ritrovai a correre.
Il mondo crede sia questo l'amore, questo misto di agitazione e desiderio, quella forza che ti spinge a fare un altro passo anche se hai mille dubbi. Ma si sbagliano.
L'amore è quando ho varcato la soglia di quel bar e l'ho vista al bancone. Con una camicia bianca tutta macchiata di caffè, i capelli in disordine e degli occhi azzurri, che da soli avrebbero potuto illuminare tutta Manhattan. L'amore è quel silenzio sui pensieri, sul chiacchiericcio delle persone che facevano colazione, sul rumore delle tazzine sui piattini, non esisteva nient'altro, nessun dubbio o persona, c'era soltanto lei e un po' di me. L'amore è la tranquillità in quel silenzio, la pace. L'amore è un sorriso difficile da nascondere e uno sguardo impossibile da distogliere. E forse il mondo non lo conosce questo amore, e forse non dovrei parlarne, forse dovrebbe restare un piccolo segreto da tenere nascosto, da proteggere, nonostante gli anni passati, nonostante le delusioni e gli errori, o forse no. Forse è giusto che lo racconti al mondo, perché sappia che esiste, perché sappia che è bellissimo, nonostante tutto.

View more

Comunque piccola domanda per considerare la lingua spagnola: Dicono che l'italiano è una lingua romantica, ma quanto suona meglio " que chica hermosa" piuttosto di " che bella ragazza"?😍

Ale_BlueRose’s Profile Photo♤αℓєѕѕαи∂яα☆
Sono d'accordo, ma anche la lingua italiana non scherza mica:
"Mostrasi sì piacente a chi la mira,
che dà per li occhi una dolcezza al core,
che 'ntender no la può chi no la prova"
Oppure
"Ho un desiderio desolato di te stasera. Ahimè stasera e sempre.
Ma stasera il desiderio è di qualità nuova.
È come un tremito infinitamente lungo e tenue"
Sicuramente lo spagnolo ha il suo fascino e sensualità, ma non credo abbiamo nulla da invidiare.

Mi piacerebbe sapere chi sei veramente

Un Signor Nessuno
Troppo spesso distratto e sognante
Che vive l'estremo presente
Ma da un'altra parte.
Uno che il futuro potrebbe costruirlo
Ma ogni opzione gli sembra limitante
Un distruttore di sogni
E creatore di speranze.
Sono impossibile da dimenticare
Ma fin troppo facile da superare
Un bel ricordo
Che deve restare nel passato
Un déjà-vu di felicità.

Oggi esci?

Oggi è una giornata un po' particolare, un po' amarognola, come 'na tazzulella 'e cafè. È difficile da spiegare, per chi non è di Napoli può sembrare assurdo, ma oggi sono 9 anni dalla morte di Pino Daniele e si respira aria di lutto, come ogni anno. La generazione dei miei genitori ha amato sulle note del suo blues, ha sognato, ha fatto l'amore, ha urlato qualche nome che ha inventato, ha pianto, ha sorriso, ha vissuto avendo come colonna sonora della propria vita le note di quel meraviglioso artista. E quindi la mia generazione? Ci è cresciuta. Molti di noi sono stati cresciuti con pane, acqua e Pino Daniele, e nonostante gli anni passati, ancora volevamo qualcosa di più, di quello che vedi, di questi anni amari. E che male c'è, che c'è di male se sembra fosse morto un nostro zio lontano? Uno zio che aveva storie assurde, che ti insegnavano tanto, tutta 'nata storia, fatta pè sudà, quello zio che se venneva l'anema a duje passe pè fà sunnà.
Mettiamoci anche che ho l'influenza, quindi no, direi che mi limiterò ad ascoltare i suoi vinili in un religioso silenzio.

View more

BASTA. HO VOGLIA DI FARLA FINITA. TANTO A NESSUNO FREGA DI ME PERCIO' FORSE E' MEGLIO COSI'.

Ti va di concedermi qualche minuto?
Supponiamo tu abbia ragione, e che davvero a nessuno importi nulla di te, cosa di cui dubito fortemente. C'è tanto altro per cui vivere: almeno una volta nella vita devi andare a New York, almeno una volta nella vita devi camminare nella cappella Sistina e perderti guardando verso l'alto, devi calpestare almeno una volta il suolo di tutti e cinque i continenti, almeno una volta nella vita devi andare al Louvre, di conseguenza, almeno una volta nella vita devi andare a Parigi, una volta nella vita devi andare a Londra, almeno una volta nella vita devi andare a Roma, almeno una volta nella vita devi guardare da vicino un Monet, almeno una volta nella vita devi guardare da vicino un Da Vinci, almeno una volta nella vita devi andare a Firenze, sono di parte ma almeno una volta nella vita devi venire a Napoli.
Potrei continuare per ore, ci sono tante cose per cui vale la pena vivere, almeno una volta, almeno un altro po', almeno un altro giorno, almeno un altro attimo. Lo so che è dura, ma non avrai un'altra occasione, altri occhi per guardare, altre gambe per camminare, altri polmoni per respirare, altre orecchie per sentire, e se dovrai farlo da solo poco importa, imparerai ad apprezzare la tua compagnia, perché ti sarai donato un attimo di felicità, poi due, poi dieci, poi mille e altri mille attimi donati, e non avrai bisogno d'altro, qualcuno potrebbe arrivare, ma se così non fosse, andrà bene lo stesso.

View more

come posso comprare le sigarette se sono minorenne?

Sono ben consapevole del fatto che non sei una mia responsabilità e che le tue decisioni riguardano soltanto te e (fino al 18esimo anno di età) i tuoi genitori, eppure credo sia sbagliato darti consigli su come comprarti le sigarette da minorenne. Troverai il modo, come feci io ai miei tempi, non è in mio potere evitarlo ma almeno posso evitare di aiutarti.
Liked by: Morgana.

Avevi paura dei clown da piccol*?

In realtà, ancora oggi mi inquietano parecchio. Credo sia colpa del trucco, il fatto che abbiano quel sorriso rosso costante, che però tozza con l'espressività effettiva della persona... non so, mi mette i brividi. Mi rendo conto che è una paura totalmente illogica, non ricordo neanche nessun trauma che possa averla scatenata.

Tu non hai visto niente.

Stasera sicuramente. Soluzione per i pranzi di famiglia? Bere, bere e ancora bere. Il mantra della giornata: "ua non ti fai mai vedere, è un avvenimento tu sia venuto", detto da 60 persone, SESSANTA parenti.
Liked by: Zero Δlεssια⚘

Ti piace ballare?⛲️

federicartemide’s Profile PhotoCiliegio
- Non è divertente.
- Scusa, ma non ti sento, il volume è altissimo.
- Non fare lo stupido. Stavo ballando.
- Lo so, l'ho visto.
- Siamo ad una festa, alle feste si balla. A me piace ballare, quindi ballo.
- Non fa una piega.
- Ti ho chiesto di ballare con me.
- Lo ricordo.
- E hai detto di no.
- Io non ballo mai.
- Eri seduto lì giù, e mi guardavi.
- Niente di strano, ti guardo sempre.
- E poi ti sei alzato.
- Volevo guardarti meglio.
- Stavo ballando tra i tuoi amici.
- Come sai, ti stavo guardando. Lo so.
- Il tempo di alzarti e si sono messi tutti ad un metro da me!
- Ah si? Non l'avevo notato. Forse erano troppo vicini.
- Ma sono i tuoi amici.
- Questo significa solo che so dove abitano.
- Quello più vicino era tuo fratello.
- Non devo neanche sforzarmi di ricordare dove abita.
- Sei insopportabile quando fai il geloso. No, non ridere. Allora balla tu con me.
- Sono scordinato, non riesco ad andare a tempo, mi sento ridicolo e non ho bevuto abbastanza.
- Hai bevuto tre bottiglie di vino.
- Non abbastanza.
- E allora torna a sederti, e lasciami divertire. Ehi, che ha fatto quella?
- Quella chi?
- Quella troia, ti ha sorriso.
- Sicuramente non sorrideva a me, mi stavi dicendo che devo tornare di là?
- Non fare il finto stronzo.
- Non credo fosse proprio così.
- Ti ha sorriso ed è impossibile che tu non l'abbia notata, noti sempre tutto.
- Noto sempre tutto quel che riguarda te, osservo e mi concentro sempre e solo su di te.
- Ti ha sorriso comunque, adesso vado a parlarci. Lasciami il braccio.
- Chi è gelosa adesso?
- Non è la stessa cosa.
- Te l'ho mai detto che sei ancora più bella quando ti ingelosisci?
- Ogni volta. Che stai facendo?
- Non sono un esperto, ma non è in questo modo che si balla in due?
- Ma tu non balli mai.
- Per te farei qualsiasi cosa, addirittura ballare.

View more

Hai mai fatto una cena al buio ?

"Hai mai fatto un capodanno in casa senza luci?"
Comunque, dimenticando per un attimo la mia stupidità, la domanda può essere interpretata in due modi diversi, partiamo dal primo:
In vita mia ho avuto un solo appuntamento al buio, e non era una cena. Avrò avuto 12/13 anni, questo mio amico uscì con sta ragazzetta e c'era pure sua cugina, mi supplicò di accompagnarlo, mio malgrado accettai. Uno dei pomeriggi più noiosi che io ricordi.
Il secondo:
Si, è capitato cenassi al buio, recentemente, per alcuni problemi nella cabina dell'Enel, per fortuna risolti in poco tempo. Un'altra volta organizzai una cena a lume di candela per una mia... "fidanzata", fu molto carino, più che romantico, sensuale.. ho un bellissimo ricordo di quella serata.

+ 7 💬 messages

read all

Onestamente, dopo l'ultima vicenda di Giulia, credo si debba cambiare definitivamente marcia. Ogni singolo ragazzo deve essere considerato, al minimo segnale, un potenziale stupratore e assassino. Perché è la paura e il pericolo che ti salva nel 99% dei casi.

Credo che idee simili siano altrettanto pericolose. Mi rendo conto ci sia tanta rabbia e paura in questo momento, lo capisco perfettamente, ma non così spesso i "segnali" sono così lampanti, e raramente quei "segnali" indicano poi un effettivo mostro. Creare nemici è la prima regola per il controllo, rendere tutti gli uomini potenziali assassini vi renderà libere/i? Certo, state attente, non ho mica la testa sotto la sabbia, il mondo è un posto orribile pieno di mostri, ma piuttosto che accendere l'ennesimo rogo, accendete una candela per lei.

Cosa cambieresti del tuo corpo?

In primis, l'altezza.
Sono davvero troppo alto, supero il metro e 90, questo inevitabilmente comporta a innumerevoli mal di schiena e l'impossibilità di passare inosservato.
In secundis, tanti piccoli dettagli del mio viso.
Non lo cambierei tutto perché immagino possa restarne traumatizzato, anche se, per una malattia è cambiato tanto e velocemente in pochi anni, quindi già adesso non mi riconosco più, forse se potessi, piuttosto che creare nuovi cambiamenti, annullerei quelli avvenuti.
Il resto dei cambiamenti sarebbero effettuabili con l'impegno e la palestra, posticipo sempre, ma un giorno mi partirà l'embolo e avrò un corpo degno del David.

Cosa si vede dalle finestre di casa tua?

Durante l'ora del tramonto sembra davvero un dipinto. Sulla destra c'è una collina su cui spicca un monumento (quella è "ngopp San Martino", da lì si vede il paesaggio più bello di Napoli), al centro si estende parte della città e sulla sinistra, quando l'aria è limpida, si intravede il mare. Proprio poco fa lo stavo guardando.

Perché i ragazzacci spesso ci piacciono così tanto? A volte me lo chiedo ma non riesco a trovare risposta

Vedo questo tipo di attrazione piuttosto infantile. Non che questo indichi una immaturità a 360°, ma l'amore tormentato lo sentiamo sempre come più vero, forse perché ci ricorda i primi amori, magari non ricambiati o piuttosto duraturi, in un'età in cui è tutto o niente, vita o morte. Un estremismo continuo, nel bene e nel male, che crea anche un sorta di dipendenza emotiva (voglio precisare, il "bene" sembra sempre altissimo in queste relazioni solo perché i "bassi" sono bassissimi, e la proporzione ci inganna). Parlo con la prima persona plurale perché io stesso mi incastro in situazioni simili, non sane e tossiche, ma mai noiose, quindi non giudico nessuno e anzi, voglio tranquillizzarvi, prima o poi passerà, maturerete definitivamente e cercherete relazioni sane e soddisfacenti.

sei una persona pessimista??

s4dx4n’s Profile Photoαriαnnα :(:
Da questo punto di vista, credo di essere paragonabile a Leopardi (solo da questo punto di vista, non mi sto paragonando in alcun modo ad uno dei più grandi scrittori di sempre).
Dicevo, credo che entrambi veniamo fraintesi, catalogati come pessimisti, quando fondamentalmente non lo siamo. Direi piuttosto che siamo dei realisti, guardiamo in faccia la realtà e quest'ultima spesso fa un po' schifo, ma chiunque ci ascolti con attenzione, noterà sempre un velo di ottimismo! Lo so, sembra un ossimoro, ottimismo e Leopardi nella stessa frase, ma leggete le sue poesie, vivetele, respiratele, sentitele e poi ditemi se non è sempre stato frainteso, addirittura il naufragar gli era dolce santo Dio e mi sento come lui, vedo bene quanto pessimo e buoio sia il tunnel in cui ci troviamo, ma vedo anche la luce in fondo, forse mi sbaglio, sono un illuso, ma questo non fa di me un ottimista?

View more

Raga, ho una stanchezza incurabile da due anni, nonostante abbia uno stile di vita e un'alimentazione perfetti, analisi perfette e 1/2 caffè al giorno. Mi sapete dire perché sono sempre stanca? Il mio medico insiste che sono depressa.😑

Sai, mentre leggevo la tua domanda, pensavo esattamente ciò che alla fine ti dice il dottore. Non sono un medico, non ho neanche lontanamente le competenze per affermare una cosa simile, ma non escluderla a priori. La depressione è... dura, spesso ho scritto di quest'ultima, e mi sono rivisto molto in ciò che hai scritto. Magari non è quello, magari ci sono altri motivi, ma non escludere nulla, indaga.

+ 2 💬 messages

read all

Liked by: KeyBorder Morgana.

Tutto bene?

Direi di sì.
O meglio, direi che è più corretto dire che non va male. Sono in una sorta di stasi, mai capitato?
La domanda risulta in "personale", immagino possa essere il tipico bag in cui ci finiscono anche quelle shoutout, ma nel dubbio preferisco rispondere.

Posso scriverti su Ig o non sei interessato ?

Hei ciao.
È sempre piacevole scambiare due chiacchiere, il problema è che al momento non ho accesso al mio account di Instagram
Liked by: Morgana.

Se dovesse mancare il caffè come fate a svegliarvi la mattina: cosa vi preparate?😅

martalombardo20’s Profile PhotoDiablaDevil27❤
Ad una pessima giornata.
Il caffè non è solo la spinta necessaria ad aprire definitivamente gli occhi, ma è anche la scusa per la prima sigaretta della giornata. È un insieme di gesti e azioni, ripetuti medoticamente senza variazione alcuna, è un rito sacro che nella sua monotonia e tranquillità mi permette di iniziare la giornata con calma, senza fretta, senza affanni. Un buon caffè è un buon inizio, nessun caffè è un tragedia irrimediabile fino al mattino seguente.

+ 4 💬 messages

read all

Liked by: KeyBorder Noe Morgana.

mi sputi in bocca?

Con la lingua sono annegato
In un mare salato di peccati
Dolci, come i sospiri di lei.
In un fiume di piacere
E nel tremolio delle sue cosce
Ho trovato Dio
Artefice di angosce e speranze,
Come Adamo
Con le dita ho sfiorato l'origine
Del tutto e dell'amore
Ed ho amato, ancora
Ancora e ancora
Assaporando
Ogni nota
Dell'altisonante coro di violini
Cantato da quel diavolo
Di cui voracemente mi nutrivo
mi sputi in bocca

Vi sembra una risposta arrogante in una discussione dire "sono così, per la gente come te"

Conosco benissimo l'arroganza, il mio... "coinquilino" ne ha da vendere. Chi è arrogante non riconosce i meriti altrui, ma neanche le colpe, lui non ammetterebbe mai l'idea che qualcuno sia abbastanza da colpirlo, toccarlo, figuriamoci cambiarlo. Lui è, e non può non esserlo, se non per merito suo. Noi altri, tutti gli altri, sono semplici comparse che mandano avanti la trama, ma che non hanno il potere di cambiarla.

Ho perso la testa per te

Io ho perso gli occhi, invece
Non ricordo più dove li ho messi
In quale cassetto si sono nascosti
In quale sogno si sono incantati
In quale sguardo incastrati
Li cerco nelle tasche
Come quando non trovi l'accendino
E hai già la sigaretta in bocca
Ma non li trovo, non sono da nessuna parte
L'ultima volta che li ho visti
Erano fissi su di lei
Forse li ha portati con se

Perché mi bloccano tutti su Instagram?

Dio separò il cielo e il mare. A quanto pare, per la bibbia, in origine, era tutto un unico ammasso di azzurro, uno schiocco di dita: l'orizzonte. Quando è notte, però, il cielo e il mare si mescolano e si intrecciano, fino a confondersi, è estremamente difficile, guardando verso l'orizzonte, distinguerli. Quando è notte la separazione quasi scompare. È di notte che siamo più fragili, vulnerabili. Forse è per questo che abbiamo deciso, durante l'evoluzione, di vivere di giorno. Sotto la luce del Sole ci sentiamo più forti, e riusciamo a mentire. Quando è notte la separazione quasi scompare e siamo onesti, diventando una purissima parte del cielo stellato. Appena sorge il Sole, però, ci rituffiamo in un mare di bugie, e torniamo ad essere separati dalla bellezza della verità, dimenticando cosa siamo stati la notte precedente.

View more

Next

Language: English