Ask @dylanwhitewidow:

Cosa ti farebbe estremamente felice?

Alice.
È sempre stata Alice.
Continuo a ripensare all'altra sera e non riesco a togliermela dalla testa. Mi sono sentito di nuovo un adolescente tra quei giochi di sguardi e mani sfiorate di nascosto.
L'ho guardata tutta la notte, non riuscivo a fare altro che pavoneggiarmi e fare il coglion.e per attirare la sua attenzione. E lo so che rideva, lo so che arrossiva, lo so che dovrei mandare tutto a puttan.e per stare con lei. E allora che cazz.o mi ferma?
Chiudo gli occhi e ti vedo nuda nel mio letto che ridi e sei felice.
I capelli sparsi sul cuscino, le labbra arrossate. Te lo giuro, questo per me è il paradiso.
Poi li riapro e mi ricordo di com'è stato davvero.
Quando piangevi chiedendomi di restare sveglio, di non lasciarti da sola. Non te l’ho mai detto ma me lo ricordo. Mi ricordo la luce dei lampioni ad intermittenza di notte mentre vomitavo l'anima in un sacchetto di plastica nella tua auto. Mi ricordo l'imbarazzo che hai provato quando mi hai presentato ai tuoi colleghi, io che neanche mi reggevo in piedi e tu bella da morire. Mi ricordo quando ti ho guardata e ti ho detto che S. era incinta e che la bambina era mia. Mi ricordo la volta in cui ti ho tradita davanti ai tuoi occhi solo perché tu avevi nascosto le pasticche e nonostante le minacce non me le hai volute ridare perchè dicevi che stavo di nuovo esagerando. Mi ricordo tutte le parole che ti ho detto mentre con tutte le tue forze cercavi di trascinarmi via da quel maledetto posto, da quell’inferno. Mi ricordo anche di quando ti ho spinta troppo forte. Mi ricordo tutto e mi viene da vomitare, e anche un po’ da piangere e io non piango mai. Questo lo sai, l’hai visto.
Ho deciso che me ne vado, questa volta per sempre. È arrivato il momento di lasciare tutto alle spalle anche se è una delle scelte più difficili che ho fatto nella vita, e ne ho dovute prendere tante, troppe, di continuo, per poter sopravvivere. E ora è lo stesso, è l’ennesimo cambiamento che rivoluzionerà tutto, ma lo voglio e lo devo fare. Per me ma sopratutto per te, perché lo so che mi perdoneresti tutto, sempre. Non è giusto, questa volta non può andare così.
E con questo vi saluto tutti, chissà magari un giorno forse ci rincontreremo.

View more

Cosa ti farebbe estremamente felice

Qual è la cosa più pazza che hai fatto per gelosia?

Io divento geloso quando perdo qualcuno, perché nel mentre o mi fido dell'altra persona, o non me ne frega niente e quindi il problema non si pone.
Credo che la cosa più "pazza" che ho fatto è stata andare strafatto in un ristorante tutto tirato e serio, interrompere malamente l'appuntamento della mia ex ragazza con quello stronz.o ricco fallitto con cui usciva da pochissimo, e dirle di scappare con me.
Breve parentesi: all'epoca ero in fissa con questa idea di partire e andare in giro a caso senza meta e senza soldi, e in effetti lo facevo spesso ma volevo che lei venisse insieme a me.
Ovviamente mi hanno sbattuto fuori tra insulti e occhiatacce di tutti i presenti perché figurati se io resto calmo. Ho aspettato ore seduto fuori al freddo sul marciapiede di fronte e quando sono usciti e mi ha visto, riassumiamo dicendo che l'ha sfanculat.o e siamo tornati insieme.
Purtroppo lei è sempre stata più responsabile di me perciò niente cazzat.e, siamo rimasti a Milano.
È stata una mezza vittoria, nella mia testa avevo immaginato che le cose sarebbero andate molto diversamete, ma alla fine mi è bastato che ha scelto me al posto di quello sfigato.
Che poi lo sfigato tra i due ero io, perciò ecco, botta di cul.o pazzesca.

View more

qual'è stato il tuo appuntamento più disastroso? :)

Questa domanda mi arriva tipo 2 volte a settimana, e come a me chissà a quanti altri a cui hai rotto il cazz.o quindi almeno cerca di variare, su.
Uno dei peggiori appuntamenti che ho avuto è stato con una ragazza che non stava zitta un secondo, ma non era capace di formulare un pensiero suo personale. Prima mi chiedeva sempre come la pensassi io, poi puntualmente diceva di essere d'accordo con me. Se nella spiegazione aggiungeva qualcosa di troppo ed io cercavo di dialogare dicendole che no, io non la pensavo esattamente così, lei si correggeva dicendo che in realtà si era spiegata male e che avevo ragione io. Ad una certa le ho detto che non mi sono mai piaciuti i lecchini, ho pagato i due caffè e me ne sono andato.

View more

A te che... (continua pure come preferisci).

Wowa
A te che sei sempre stata troppo sveglia per stare con uno come me, eppure non me l'hai mai fatto pesare. A te che sei diventata importente in pochissimo tempo perché nonostante siamo diversi, mi hai capito. A te che hai sempre rispettato i miei spazi, le mie paranoie e le mie fisse mentali senza fare nessun commento. A te che ti sei fatta voler bene fin dalla prima volta che siamo usciti insieme, che mi fai ridere senza nemmeno impegnarti, che mi ascolti quando ho qualcosa da dire senza obbligarmi a parlare. A te che ancora non mi conosci affatto eppure nello stesso tempo hai già capito tutto. A te che hai perdonato le cazzat.e e i comportanti da stronz.o che non riesco a levarmi di dosso, e che non ti meritavi.
A te che sei davvero unica, e sono stato fortunato ad incontrarti. Abbiamo fatto sess.o senza nemmeno conoscerci e da lì è nato tutto questo. Non mi era mai successo prima, non avevo mai voluto rivedere qualcuno conosciuto in questo modo, ma ringrazio di aver ceduto e aver trascorso con te quel pomeriggio.
Ti devo lasciar andare, e l'ho fatto. Ma non immaginavo sarebbe stato così difficile. Non riesco a pensare ad altro che a te da quando ti ho salutata, mi sembra di avere un coltello piantato nel cuore ed ogni volta che mi vieni in mente sprofoda un pochino più a fondo.
E ora che mi sono sfogato e ho finito la sigaretta torno al lavoro.

View more

A te che continua pure come preferisci

C'è stato qualcosa durante la tua infanzia su cui i tuoi genitori ti hanno mentito e che poi hai scoperto più tardi?

No, mi hanno sbattuto in faccia la realtà troppo presto, magari mi avessero mentito su determinate cose. Mio padre mi aveva scambiato per un amico, una sorta di uomo in miniatura a cui raccontare ogni minima cosa. Mia madre non ha mai cercato di nascondere ciò che pensava di me e tra noi è sempre stata una gara a chi feriva di più l'altra persona, e a chi importava meno.
Certe bugie ai bambini vanno dette per proteggerli.

View more

C'è una persona di cui ti fidi e a cui confessi tutti i tuoi segreti?

Non esiste e non è mai esistita al mondo una persona che conosce ogni mio segreto.
Con qualcuno riesco a parlare meglio del mio passato, con altri delle mie insicurezze, con qualcun'altro ancora di ciò che provo. Poi capita che mi diverta a fantasticare sul futuro e quindi rivelo involontariamente ciò che spero accada.
Ma se queste persone dovessero trovarsi e spifferare tutto rimarrebbe comunque qualcosa di non detto, quei pensieri che alla fine non vale la pena dire ad alta voce e che mi tengo per me.

View more

Giochino🍀 Irish pub, musica, birra a fiumi, profumo di carne alla griglia. Al vostro tavolo ci sono sedute 5 o più persone (taggatele) e ognuna di loro sta facendo qualcosa in particolare. Cosa? Siete voi a deciderlo. Divertitevi 🍺

~Dobbella~
Sono le due di notte passate, @DobbellaInside da mezzanotte si sta scolando litri di birra perché dopo aver cantato e ricevuto una standing ovation dice di sentire ancora la gola piuttosto secca.
Tutti sanno che è una scusa per continuare a bere gratis.
@Gronchina98 è appena fuori dalla porta del locale, voleva prendere un po' d'aria e fumarsi in pace una sigaretta ma è inciampata sopra @alessandro_ottavi che ha deciso di vomitare proprio all'ingresso del pub.
Ora si ritrovano incastrati tra loro sopra i succhi gastrici di Otty mentre un gruppo di motociclisti, che voleva provarci con lei e picchiare a sangue lui, si ritira puntando alle proprie vetture parcheggiate poco lontano (ovviamente messe in posizione strategica in modo da farle ammirare da tutti i presenti).
Le raggiungono scuotendo la testa delusi per la doppia fregatura mentre Alessandro cerca di scusarsi dicendo che di solito regge bene l'alcool. Ripete in loop che probabilmente ha preso un po' di freddo ma è Agosto e di giorno ci sono 30° all'ombra.
In un angolo del locale @JeRepartDaZero è seduta da sola mentre aspetta che @lucasorace3467 torni con i tranci di pizza, la fame chimica la sta uccidendo. Irritata critica chiunque le passi davanti seguendoli con il suo tipico sguardo maligno finché non escono dalla sua visuale.
Finge di divertirsi, ma tutti sanno che vorrebbe essere in un locale in centro a Milano a bere qualche raffinato cocktail con tanto di ombrellino viola e cannuccia.
@Pippo2018 , @camillalilla23 , @Imasunder e @LoZio46 parlano da due ore e mezza del pogo che hanno scatenato mentre aspettano invano che l'adrenalina scenda. Cercano di trascinare nella conversazione chiunque gli passi vicino ma ormai tutti hanno capito che bisogna stargli alla larga. I quattro non si fanno scoraggiare e dopo qualche considerazione sulla tristezza delle persone presenti, continuano il loro discorso entusiasti di essere i più pazzi della comitiva.
In realtà gli unici a partecipare al pogo sono stati loro, si davano leggere spintarelle amichevoli.
@Nikito330 tira un sospiro di sollievo perché è riuscito a raggiungere il bagno evitando il diabolico gruppetto.
Deve assolutamente svuotare la vescica ma una volta lì capisce che è già occupato perché da dietro la porta provengono strani rumori. Si guarda intorno e capisce che gli unici a mancare all'appello sono @JDreyer e Dylan.
Trae le facili conclusioni e imprecando decide di andare a cercare un cespuglio.
Betty e Dylan credono di essere furbi e di non farsi notare ma escono dal bagno con l'aria di chi è appena sopravvissuto ad un'esplosione. Parlano muovendo appena le labbra e guardandosi intorno con aria colpevole.
Iniziano a giocare a freccette ma la loro mira fa talmente schifo che queste neanche si attaccano al bersaglio.
Si fanno chiamare da tutti Bonnie e Clyde, ma in realtà di loro non hanno niente.
Fine.

View more

Giochino
Irish pub musica birra a fiumi profumo di carne alla griglia Al vostro

Ma se il ragazzo che ti piace ti dicesse che ha lo spettro dell'autismo cosa faresti?

Se una ragazza mi piace, mi piace. Anche con lo spettro dell'autismo, con una gamba sola, malata, tossico dipendente e chi più ne ha più ne metta. Non sono cresciuto in modo superficiale come la maggioranza delle persone, le difficoltà di questo tipo non mi spaventano e i pregiudizi non mi toccano. È una limitazione che solo chi ha una mente piccola o poca volontà si può porre.

View more

Next